Domanda: È possibile che un uomo a 30 anni non desideri baciare la sua donna? - Aggiornamenti sul Benessere Sessuale - Benessere Sessuale - Psicologia e Sessuologia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Domanda: È possibile che un uomo a 30 anni non desideri baciare la sua donna?

Pubblicato da in Domande e Risposte ·
Tags: baciappassionatisicurezzaeccitazionefrustrazione
Buongiorno dottore, ho 25 anni e sono fidanzata da circa 3 anni con un ragazzo di 30. Dopo i primi mesi è subito emerso ciò che per me è un grosso problema: al mio partner non piacciono i baci appassionati

Ho da subito cercato di capire se ci fosse alla base un problema, ma lui mi ha spiegato che "semplicemente" i baci di quel tipo lo soffocano, facendolo come sentire ingabbiato oltre al fatto che "sono cose da adolescenti e al massimo utili come preliminari"

Non nascondo che questo mi ha bloccato moltissimo: non mi sento libera di esser me stessa, vorrei tanto baciare il mio uomo senza sentirmi a disagio ma più volte quando ho provato a prender l'iniziativa mi ha allontanato. Anche prima del sesso. Questo problema ripeto è insorto dopo i primi mesi, infatti all'inizio era tutto estremamente più bello da questo punto di vista, mi baciava in modo molto coinvolgente facendomi sentire desiderata

Forse può sembrare una questione di poca importanza ma le assicuro che è come se mi avessero tolto il 50% della mia sicurezza e della mia fonte di eccitazione. I baci sono davvero molto importanti, non solo nella quotidianità ma anche per eccitarmi durante il sesso. Tutto questo si è aggravato con l'andare avanti del tempo dato che anche i rapporti sessuali sono molto statici, poco fantasiosi e soprattutto molto sporadici. Da quando conviviamo (e ci tengo a sottolineare che l'idea della convivenza è nata da lui pregandomi in tutte le salse di accettare!) riusciamo a fare l'amore al massimo una volta mese e i motivi sono svariati: la sera no perchè il lavoro lo stanca troppo, la mattina appena svegli c'è troppo poco tempo, il week-end ha bisogno di riposarsi dalla settimana lavorativa, e così via trovando sempre un valido motivo per rimandare

Spesso, quando si convince che è arrivato il momento opportuno, mi preannuncia a parole che avremo un rapporto sessuale con frasi del tipo "Allora? Andiamo di là a divertirci?" inserendo una certa dose di ironia e battute simpatiche anche durante l'atto sessuale, il che smorza notevolmente la mia voglia di fare l'amore. Di sesso orale nemmeno l'ombra e la posizione del missionario non è contemplata perchè dopo un po' "iniziano a far male le braccia e tremare le gambe" quindi spesso e volentieri mi ritrovo a pancia in giù privata della visione del mio partner. 

Questa situazione mi porta a un gran senso di frustrazione: siamo molto innamorati e più volte ho fatto il tentativo di parlarne con lui, cercando di capire cosa non va ma secondo lui non ci sono problemi ma è "la normale evoluzione di un rapporto serio" spiegandomi che tenerezze come baci a stampo, carezze, o abbracci prolungati per lui hanno più significato di un'intensa attività sessuale. Per lui va tutto a meraviglia così e vorrebbe solo che io capissi le sue esigenze. Ho cercato di fargli capire che anche io in quanto donna ho bisogno sì, di un rapporto saldo e stabile, ma dati anche i miei 25 anni, anche di un po' di follia e passione (della serie, torno a casa e il mio uomo si stacca dal divano correndomi incontro e portandomi in camera da letto). Tant'è che io vivo molto liberamente soprattutto il rapporto sessuale, non tirandomi mai indietro rispetto al sesso orale o a nuove esperienze da provare. Ma sembra che tutto questo sia un di più che il mio partner non chiede perchè non ne ha bisogno. 

E allora mi chiedo, tutto questo può esser vero o in fondo si nasconde un suo blocco che non è riuscito a confessarmi? E' possibile che un uomo a 30 anni abbia così poche pulsioni sessuali? E che non desideri baciare la sua donna? Ed eventualmente cosa posso fare per provare a cambiar la situazione? 

Grazie mille.

Risposta:

Gentile lettrice, grazie per aver condiviso la sua storia con noi.

Nella sua domanda mi scrive del suo desiderio di maggiore affettuosità, passione e spontaneità attribuendolo ai suoi 25 anni, ma queste caratteristiche non sono necessariamente collegate ad una specifica età, fanno parte di un approccio sano e piacevole alla sessualità e andrebbero ricercate ad ogni età.

Il suo partner attualmente attribuisce questi temi ad un amore "adolescenziale", come qualcosa di passato a cui non ha più senso tornare una volta arrivati all'età adulta; ma, premesso che questi temi non sono necessariamente adolescenziali, anche l'età adulta è un'età che non nega necessariamente ogni comportamento adolescenziale ma può invece integrarlo all'interno della quotidianità "adulta".



comments powered by Disqus
Torna ai contenuti | Torna al menu