Petizione per il riconoscimento della Vulvodinia - Aggiornamenti sul Benessere Sessuale - Benessere Sessuale - Psicologia e Sessuologia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Petizione per il riconoscimento della Vulvodinia

Pubblicato da in Notizie ·
Tags: NotiziePetizioneVulvodinia

E' online in questi giorni la petizione per il riconoscimento della Vulvodinia come una patologia coperta dal Sistema Sanitario Nazionale.

La Vulvodinia è una patologia invalidante che rientra nel più ampio campo delle Dispareunie cioè delle patologie del dolore nella sessualità.

La Vulvodinia è una neuropatia in cui il dolore è localizzato nella zona esterna dei genitali e può insorgere o come conseguenza di una stimolazione fisica (come avviene durante il rapporto sessuale) o a seguito di un'infiammazione o di un'infezione che danneggiano le terminazioni nervose periferiche presenti nella zona vulvare.

E' un disturbo generalmente femminile che colpisce dal 16% al 20% delle donne, ma nel 15% dei casi coinvolge persone di sesso maschile colpendo nella zona equivalente.

A causa della scarsa cultura sul problema sia tra la popolazione che tra i medici specialisti, molte persone capiscono di essere affette da Vulvodinia solo anni dopo aver provato i primi sintomi, perdendo l'occasione di trattare i sintomi prima che il disturbo peggiori spontaneamente e venendo considerate "pazze" per un dolore che spesso gli specialisti non sanno attribuire ad un disturbo fisico.

Gli specialisti competenti nel trattare questo disturbo sono pochi e utilizzano metodi diversi nel curare un problema che può presentarsi in forme diverse a seconda delle sue cause. Per queste ragioni le persone con Vulvodinia sono costrette a spostarsi per l'Italia alla ricerca dei professionisti più adatti al trattamento del loro disturbo sostenendo spese non coperte dal Servizio Sanitario Nazionale.

Per aiutare le persone affette da Vulvodinia, vi invito a firmare la petizione per il suo riconoscimento presso il Servizio Sanitario Nazionale, nella speranza di aiutare la loro ricerca di una vita con più piacere e meno dolore.

Per maggiori informazioni su questa patologia, visitate il sito dell'Associazione Italiana Vulvodinia o Vulvodiniapuntoinfo

Link alla petizione



comments powered by Disqus
Torna ai contenuti | Torna al menu